Barocco Europeo

L'Associazione Barocco Europeo, attiva dal 2000, vuole favorire la conoscenza, la pratica, la diffusione della musica in ogni sua espressione senza limitazioni di genere, epoca e stile, con particolare attenzione rivolta al repertorio musicale ed artistico del barocco europeo, con riguardo nei confronti di quello coevo della nostra Regione, tramite l'apporto di artisti e complessi locali, italiani e stranieri.

Laboratorio per l’Opera Barocca

Da anni il Laboratorio per l’Opera Barocca e il Festival MusicAntica, sostenuti da Regione FVG, Provincia di Pordenone, Comune di Sacile e Fondazione CRUP e con la presenza di vere autorità musicali e professionali, sono una delle realtà culturali di maggior pregio all’interno delle proposte regionali, registrando la presenza di pubblico affezionato e la frequenza di musicisti provenienti da Italia e dall’estero.

Negli anni sono state organizzate diverse edizioni della Mostra degli strumenti di liuteria, con partecipazione di collezionisti e artigiani italiani ed esteri e della Civica Scuola di Liuteria di Milano; i Laboratori di Costruzione dedicati ai ragazzi delle Scuole Medie e Istituti Superiori della Città e dei Comuni limitrofi; Seminari di Iconografia musicale e Filosofia della Musica tenuti da docenti Universitari, dedicati agli Istituti Superiori della Città e della Provincia.

Mission e obiettivi

La realizzazione di attività concertistiche, seminariali, di studio, ricerca ed aggiornamento, di pubblicazione, con speciale attenzione nei confronti del periodo barocco, perseguendo sia obiettivi di formazione e specializzazione professionale, che più ampie finalità divulgative e di crescita musicale e culturale.

Festival MusicAntica

Il Festival MusicAntica si declina in due distinte rassegne concertistiche.

Festival MusicAntica, dalla tematica di anno in anno diversa. Il Festival Not&Sapori – IL BAROCCO NEL PIATTO

Il primo cartellone del Festival MusicAntica assume annualmente un titolo diverso e propone sempre rinnovati Leitmotiv, che coordinano le occasioni d’ascolto secondo precise direzioni progettuali ed espressive, in un’ambientazione organica e coerente. Le tracce tematiche  coniugano il repertorio musicale con più svariati ambiti espressivi. Riflessioni su Filosofia, Scienza, Letteratura, Analisi storica, Analisi biografica, sono state asse portante, di anno in anno, alle varie serate, strutturando le proposte d’ascolto in modo da veicolare la conoscenza musicale in maniera più completa ed efficace.

Il Barocco delle Nazioni e gli Stili Nazionali sono stati il tema portante del Festival 2016; nel 2017 Per l’Immortal sentiero – Omaggio a Monteverdi , il Festival è stato dedicato ai Madrigali del compositore cremonese; nel 2018 il Festival Mediterranean crossover – Dalla Mitteleuropa al Magreb, ha proposto repertorio coevo al “barocco europeo” ma proveniente dalle varie sponde del Mediterraneo, Medioriente, Africa e Andalusia.

Il tema per 2019 omaggia due personalità artistiche italiane rinascimentali, delle quali si celebrano particolari ricorrenze: Leonardo Da Vinci e il pittore Antonio De Sacchis, detto Il Pordenone.

Il Not&Sapori – IL BAROCCO NEL PIATTO, altra rassegna itinerante di Musica Antica, tra visite di luoghi inconsueti, esperienze musicali e degustazioni enogastronomiche, si costituisce nel territorio come una delle realtà culturali musicali più particolari e interessanti. Unisce in sé infatti l’occasione dell’ascolto del repertorio barocco, proposto da rinomati e specializzati gruppi italiani, ad una trasversale esperienza del periodo storico attraverso l’approccio eno-gastronomico, con la presentazione di ricostruzione di ricette storiche cinquecentesche e seicentesche, che fanno da corollario a ciascuno degli appuntamenti concertistici, nel quadro generale della promozione della cultura storica locale.
Così, nella sua proposta generale di molteplicità di piani esperienziali, il festival Not&Sapori si informa ai principi che sottendono alla filosofia dello slowfood, che suggerisce il piacere del cibo e della lentezza, della valorizzazione dei luoghi, del patrimonio storico, sociale, artistico e musicale, della consapevolezza come misura di confronto con gli aspetti della vita. Acquisisce inoltre valenza nella promozione di prodotti enogastronomici di eccellenza, nonché nella realizzazione di percorsi d’ascolto integrati, che possano concorrere alla valorizzazione della sinergia tra Cultura e Turismo.