SALONE MARGHERITA – Festival Brianza Classica

Alla fine del ‘500 Milano era già da tempo sotto la dominazione spagnola, lontani erano gli echi dello sfarzo di Ludovico il Moro, così come il rigoglioso fiorire di repertori sacri e profani, legato a quest’epoca felice. Ma...

Musica a Milano al tempo del Vicerè di Spagna

SALONE MARGHERITA
Musica a Milano al tempo del Vicerè di Spagna

Andrea Falconieri (1586 – 1656)
Bella porta di rubini
Contralto e continuo

Andrea Falconieri
O bellissimi capelli
Contralto e continuo

Giulio Caccini (1551 – 1618)
Tu c’hai le penne amor
Contralto e continuo

Giulio Caccini
Amor ch’attendi?
Contralto e continuo

Francesco Cavalli (1602 – 1676)
Lucidissima face
Da La Calisto
Contralto e continuo

Francesco Cavalli (1602 – 1676)
Dolce amor, bendato dio
Contralto e continuo

Nicolò Porpora (1686 – Napoli, 1768)
Sonata per violoncello e continuo in Fa magg.

Barbara Strozzi (1619 – 1677)
Amore dormiglione
Contralto e continuo

Barbara Strozzi (1619 – 1677)
L’amante segreto
Contralto e continuo

Giulio De Ruvo (XVII secolo)
Sonata per violoncello solo

Nicolò Porpora (1686 – Napoli, 1768)
Alto Giove
Dall’Opera “Polifemo”
Contralto e continuo

Esecutori

Francesca Biliotti, contralto

Massimo Raccanelli, violoncello

Donatella Busetto, cembalo

Presentazione

Alla fine del ‘500 Milano era già da tempo sotto la dominazione spagnola, lontani erano gli echi dello sfarzo di Ludovico il Moro, così come il rigoglioso fiorire di repertori sacri e profani, legato a quest’epoca felice. Non possiamo non ricordare però Vincenzo Ruffo che nel repertorio sacro, secondo i dettami del Cardinal Borromeo, diede vita a quegli intenti di semplificazione e chiarezza della polifonia che furono il riferimento per tutti i compositori “controriformati”. Lo stesso Borromeo però impose alla città un’incondizionata censura a tutte le forme di spettacolo, escludendo Milano da quel fervente sviluppo verso il nuovo genere dell’Opera, che invece forgiava la vita musicale di Mantova, Firenze e Ferrara.

Caratteristica peculiare della dominazione spagnola però fu il proliferare di un’aristocrazia “minore”, ma desiderosa di sfarzo e ricchi cerimoniali che si profuse in balli, spettacoli e banchetti, soprattutto per mettersi in luce nelle occasioni di visite illustri, quali quelle di Massimiliano e Filippo d’Asburgo o l’arciduca Giovanni d’Austria. Fu proprio nell’occasione della visita di Margherita d’Austria, nel 1598 che, all’interno del Palazzo Ducale venne costruito il primo teatro milanese, il “Salone Margherita”, in onore dell’illustre ospite, con tre ordini di palchi e un loggione.

Così, chiuso e protetto dalle mura palatine, poteva offrire tutto ciò che all’esterno era vietato, purtroppo dedicato solo al pubblico di corte!

L’attività del Salone Margherita durò quasi un secolo e ospitò repertori dei maggiori autori dell’epoca, Cavalli, Ferrari, Mannelli, Cesti, provenienti da Roma, Firenze, Venezia.

L’incendio nel 1708 lo distrusse completamente e la città chiese che fosse costruito nello stesso luogo il Regio Ducal Teatro.

Per il Teatro alla Scala ci vorrà ancora del tempo….

Prossimi eventi

05 Ago 2021 Ore 21:15

Salone Margherita – Festival Musicae Amoeni Loci, Pesaro

BAROCCO EUROPEO
Vallefoglia PU
Colbordolo
23 Ago 2021 Ore 20:30

L’Arte del Violino alle soglie del Classicismo – Tartini, Locatelli, Pugnani

Cenacolo Musicale
Chiostro di San Francesco
Bolniška 30, 6330 Piran