Up Welling

Up Welling, o risalita dalle acque profonde, un'esplorazione del background musicale "profondo" dei due musicisti, attraverso le espressioni musicali europee e mediorientali

Programma

UPWELLING
BUBBLE CHAMBER
THE INNER COUCH
WITHOUT A CAMEL
ALFACARINE
WORMHOLE
A FIRST MEETING
ZAVIL SAZ SEMAI
THE INNER COUCH reprise

Presentazione

L’UPWELLING, o risalita delle acque profonde, è un fenomeno oceanograco che coinvolge il movimento provocato dal vento di grandi masse di acqua fredda, densa e generalmente ricca di nutrienti, che risalgono verso la supercie dove vanno a rimpiazzare l’acqua superciale più calda. I due musicisti coinvolti provengono da un percorso artistico parallelo che da unaformazione “moderna” e tendente al rock li ha condotti allo studio delle tradizioni musicali orientali: Peppe Frana, di formazione chitarrista elettrico, ha approfondito la pratica di vari cordofoni a plettro mediorientali e centrasiatici. Savoretti, un tempo batterista, è oggi un affermato percussionista in ambito world-jazz e un virtuoso dei tamburi a cornice di tradizione mediorientale e Italiana. Entrambi vantano prestigiose collaborazioni artistiche e didattiche. Upwelling è quindi un’esplorazione del background musicale “profondo” dei due, che riemerge mescolandosi con le sonorità e gli strumenti che connotano la presente attività artistica. Peppe Frana suona l’Ud turco (“Oud” si riferisce alla versione araba), un liuto a manico corto non tastato, strumento principe della tradizione musicale araba presente anche in Turchia e Iran, progenitore del liuto eurocolto. Francesco Savoretti suona uno speciale “Kit” concepito appositamente per questo progetto musicale, che riorganizza in una forma “batteristica” vari tamburi a cornice, piatti e metallofoni. Si esibisce inoltre alla darbuka, al riqq e all’adufe, il taburo quadrato galiziano.

Biografie

Francesco Savoretti La ricerca continua delle sonorità e l’attenzione verso le dinamiche esecutive sono gli aspetti più rilevanti che contraddistinguono il suo stile. Sente vicina la denizione che gli è stata data di cuoco della musica, da una parte la robustezza del drive accompagnata sapientemente dai “sapori” della personalissima ricerca timbrica. E’ Cosi che La buona esecuzione e dimestichezza con le tecniche dei tamburi a cornice sono esaltate dal suo personale percorso verso una originale ricerca sonora. Questa sua peculiarità lo porta spesso a lavorare con set multipercussivi e ad esplorare generi musicali diversi: World music, Contemporanea, Ethno jazz, Early Music. Condivide il palco con importanti artisti Stranieri ed Italiani: Mike Rossi (South Africa)), Claus Boesser-Ferrari (Ger), Heiko Plank (Ger), Sandor Szabo (Ungh), Elizabeth Swados (USA), Cary Gant (USA), Heaater Paawue (USA), Moni Ovadia, Riccardo Tesi, Luca Ciarla,Eugenio Bennato, Nidi D’Arac, Gionni DI Clemente, Giovanni Seneca, Andrea Costa, Gionata Costa. Partecipa ad importanti Festivals e rassegne Nazionali ed Internazionali: Montreal Jazz Festival, , CANADA ; “Java Jazz Festival” di GIAKARTA, “Banghok jazz festival” inTHAILANDIA; “Jazz in Bayreuth” in GERMANIA; “National Arts Festival” di Grahamstown, SUD AFRICA; Queen’s Birthday jazz & Blues FestivalWallington, NEW ZEALAND; Upper Yarra Arts Centre, AUSTRALIA ; Melbourne Jazz Festival, AUSTRALIA; Ottawa Jazz Festival,CANADA Rochester Jazz Festival, USA ; Twin Cities jazz Festival, USA ; National Centre of Performing Arts, Bombey, INDIA ; Hong Kong International Jazz Festival, HONG KONG. E’ tra i fondatori del Festival FRAME DRUMS ITALIA, Festival riconosciuto a livello Mondiale per la promozione e divulgazione dello studio dei tamburi a cornice delle varie tradizioni. E’ direttore artistico, insieme al chitarrista Gionni Di Clemente del Festival PAESAGGI ACUSTICI.
Peppe Frana Nasce a Salerno il 19 ottobre 1986. Appassionatosi in giovane età al rock d’oltreoceano e oltremanica, diventa presto l’incubo dei migliori insegnanti di chitarra elettrica del circondario. Ventenne viene folgorato dall’interesse per le musiche modali extraeuropee attraverso la musica di Ross Daly e intraprende lo studio dell’oud turco e di altri cordofoni a plettro durante frequenti viaggi in Grecia e in Turchia, dove frequenta alcuni tra i più rinomati maestri: Yurdal Tokcan, Omer Erdogdular, Murat Aydemir, Daud Khan Sadozai, Ross Daly stesso. Dall‘incontro con i membri dell’Ensemble Micrologus scaturisce l’interesse per la musica del medioevo europeo e per il liuto a plettro, di cui diventa presto uno dei più apprezzati solisti e insegnanti, specializzandosi nel repertorio    trecentesco Italiano. Dal 2013 studia liuto medievale presso la Schola Cantorum Basilensis sotto la guida di Crawford Young, inaugurando la sua prima esperienza di studio musicale accademico.
È laureato con lode in lode presso l’Istituto Universitario “L’Orientale” di Napoli. Tiene stabilmente corsi e seminari in alcune prestigiose istituzioni musicali come il Labyrinth Musical Workshop (Grecia) e la Sibelius Academy (Finlandia). Collabora stabilmente con molteplici artisti e progetti musicali nell’ambito della musica antica, orientale ed extracolta tra cui ricordiamo: Ensemble Micrologus, Ensemble Calixtinus, Ensemble Exaquier, Trenca, Cantsiléna, Radiodervish, Vinicio Capossela, svolgendo una orida attività concertistica nei più prestigiosi festival italiani ed internazionali.

Prossimi eventi

09 Nov 2019 Ore 18:00

Leonardo e Isabella – Frottole, Capriccie Barzellette del Rinascimento italiano al tempo di Leonardo

Barocco Europeo
Museo Civico d'Arte
Corso Vittorio Emanuele II, 51, 33170 Pordenone PN
Ingresso Libero
Vai al programma