IL VIOLINO SOGNANTE – Cenacolo Musicale e Paolo Perrone – Video Première

VIDEO PREMIERE sulla pagina Facebook di CENACOLO MUSICALE o sul Canale YouTube di BAROCCO EUROPEO Per motivi tecnici la video Première avverrà in data da destinarsi! Non preoccupatevi!

Programma musicale del video

Il Violino Sognante

Suoni e suggestioni italiane della prima metà del secolo XVIII

Omaggio a Tartini nei 250 anni dalla morte

 

Giuseppe Tartini
Sonata n. 4 op. 2 in Si minore (Roma 1745)
Andante – Allegro – Allegro

Antonio Vivaldi
Sonata I in Sol minore dalle Sonate per Violino e Basso op. 2 (Amsterdam 1710)
Preludio (Andante) – Giga (Allegro) – Sarabanda (Largo) – Corrente (Allegro)

Francesco Maria Veracini
Sonata VI in La maggiore dalle Sonate Accademiche op. 2 a Violino Solo e Basso

(Firenze – Londra 1744)
Siciliana (Larghetto) – Andante Moderato – Largo – Allegro Assai

Esecutori

Paolo Perrone, violino

Elisa La Marca, tiorba

Carlo Zanardi, violoncello

Donatella Busetto, cembalo

Presentazione programma

Un viaggio a Venezia, fra i canali, i rumori delle gomene e gli odori delle botteghe. Un violino suona, solo, ed apre un sipario su un mondo che fu, l’Italia della prima metà del 1700, il tramonto del barocco e gli albori del classicismo, quel periodo in cui ancora tutto è arte, affreschi, arazzi, statue, chiese, contrasti accesi, profonda umanità. E così, dalla lontana Roma in cui l’Orfeo del violino, Arcangelo Corelli, affermò un nuovo stile, barocco e classico insieme, la Venezia immediatamente successiva omaggiò quello stesso stile attraverso le note dell’op. 2 di Vivaldi, famoso successivamente per le Quattro Stagioni, evocazione musicale di immagini pittoriche e moltissimi altri concerti strumentali. I grandi del violino di allora partirono da qui. E così il virtuosismo di Veracini, mescolato a stilemi popolari, arricchisce di sapienza un modo di far musica che in pochi anni era diventato il modello da seguire per l’intera Europa del tempo, che si allontana ma non si affranca dall’origine della musica: il canto. Canto di cui si nutre profondamente Tartini, che porta l’arte dell’abbellimento ad apici raramente raggiunti, eleganti e nobili al tempo stesso, sfiorando la parte orientale e arabeggiante della musica italiana.

Curriculum

Si diploma con ottimi voti in Violino (1994) e Musica da Camera (1996) presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma, si perfeziona in seguito in violino moderno e violino barocco con i maestri C. Chiarappa (1999-2004) ed E. Onofri (2007-2011), rispettivamente presso il Conservatorio della Svizzera Italiana e il Conservatorio di Palermo.
Dopo una lunga esperienza quartettistica e una parentesi orchestrale (Orchestra di Roma e del Lazio, 2004), dal 2005 si dedica esclusivamente all’esecuzione storicamente informata del repertorio dei secoli XVII e XVIII. Ha al suo attivo una regolare attività con i maggiori ensemble di musica barocca in Europa, tra cui Il Giardino Armonico, Accademia Bizantina, Concerto Italiano, Concert des Nations, Divino Sospiro, Imaginarium, Concerto de’ Cavalieri, Inseieme Strumentale di Roma, Concerto Romano, Enea Barock Orchestra, con i quali si è esibito nelle più importanti sale da concerto e festival di musica antica in Italia (tra i più importanti Accademia di S. Cecilia, Teatro Regio di Torino, MiTo, Perugia Musica Classica), Inghilterra (Lufthansa Festival), Francia (Salle Pleyel, Festival di Ambronay, Festival di Beaune), Germania (Händel-Festspiele Halle, Musikfest Bremen), Austria (Musikverein e Konzerthaus di Vienna), Paesi Bassi (Concertgebouw di Amsterdam), Portogallo (Centro Cultural de Belém, Fondação Gulbenkian), Spagna (Auditorio Nacional de Madrid), Polonia, Corea del Sud, Bulgaria, Colombia, Malta, Ucraina, Messico, ecc.
Ha registrato numerosi dischi e registrazioni con Naïve Records, Deutsche Harmonia Mundi, Sony Music, CPO, Fuga Libera, Brillant Classics, Radio della Svizzera Italiana (RSI), Radio Vaticana, Stradivarius, Rai International, Sky, Mezzo, Radio France.
Ha registrato la prima assoluta delle Sonate di Domenico Scarlatti per violino e basso continuo, pubblicata da Brilliant Classics.
Ha fondato l’ensemble “Il Sogno Barocco”, del quale è primo violino e direttore, e con cui ha debuttato presso la Filarmonica di Kiev. Con tale compagine è impegnato nella riscoperta e nella valorizzazione di musiche inedite del repertorio barocco dei secoli XVII e XVIII.
Ha tenuto master class presso il Conservatorio L. Refice di Frosinone e il Conservatorio E. R. Duni di Matera. E’ stato invitato come tutor presso l’Accademia Musicale dell’Annunciata.

 

Cenacolo Musicale

Il gruppo di musica antica CENACOLO MUSICALE, matrice storica dell’Associazione BAROCCO EUROPEO, nasce per iniziativa di Donatella Busetto e dalla collaborazione di alcuni musicisti e studiosi che condividono preparazione professionale, attività concertistica e interesse per il genere barocco. Il repertorio del gruppo spazia tra musica strumentale e cantate sacre e profane di autori del 600 e 700, fino agli autori del tardo barocco e primo Classicismo.

I programmi si articolano lungo specifiche tracce tematiche: la presentazione di particolari autori, l’approfondimento di forme e di generi, comparazione stilistica di più autori, individuazione di paginecomposte in visione di particolari occasioni sociali o religiose dell’epoca.

Gli organici, a geometria variabile, comprendono formazioni a voce solista con basso continuo, duetti per soprano e contralto con violini e basso continuo, voce solista e quartetto d’archi e basso continuo, duo cembalistico, concerti per strumento solista ed archi, quintetto vocale.

Il gruppo ha eseguito concerti in Italia e all’estero in prestigiosi Festival: Festival Dimanche Musique Corpataux-Friburgo; Festival Anton Lucio Vivaldi-TS , Festival Parco in Musica-Terni; Festival Barocco di Viterbo; Festival Barokko-Trento; Festival Cusiano di Musica Antica-Lago d’Orta, MITTELFEST-Cividale, Festival Opera Barocca-Praga, il Festival Carniarmonie (UD), il PAN OPERA FESTIVAL di Panicale (PG).

A novembre 2016 ha pubblicato per l’etichetta ARCANA-Outhere il Cd di Duetti da camera Se con stille frequenti, con la partecipazione di Sara Mingardo, disponibile presso le maggiori piattaforme digitali, raccogliendo ottime recensioni presso le più importanti riviste specializzate italiane ed estere tra le quali L’Avant-Scène Opéra, Musica, Classic Voice, Amadeus, Gramophone.

 

Prossimi eventi

18 Dic 2020 Ore 20:30

QUAL PER IGNOTO CALLE – Eros e affetti al tramonto della Serenissima – Cenacolo Musicale

Festival Internazionale Musica Antica NOTE SENZA TEMPO - Sassari
Ingresso Libero
Vai al programma