Intermezzo Palandrana e Zamberlucco

Una spassosa trama di travestimenti, equivoci, imbrogli e ingenuità tra una vecchia, ma intraprendente, vedova (da ormai tre giorni!), e un “giovine da Bravo”, sbruffone e pronto a sfruttare le occasioni, ma in fondo imbranato e maldestro, che soccomberà nel finale travolgente! Musica di Alessandro Scarlatti

Presentazione

I tre intermezzi tra Palandrana vecchia vedova e Zamberlucco giovine da bravo, musicati dal Cavalier Alessandro Scarlatti, ebbero prima rappresen­ tazione presso il Teatro San Bartolomeo di Napoli nel 1716.

Destinati all’intrattenimento del pubblico partenopeo durante gli intervalli dell’opera seria Carlo d’Alemagna dello stesso Scarlatti, godettero di buon successo nel XVIII secolo, per uscire drasticamente di repertorio dal XIX se­ colo in poi.

Bisogna riconoscere che i gusti e le mode musicali dell”8oo e della prima metà del ‘900 hanno fortemente penalizzato la tipologia dell’intermezzo settecentesco, lasciando alla sola Serva Padrona, e solo a quella pergolesia­ na, l’onore e l’onere di rappresentare l’intero genere.

Dalla seconda metà del ‘900 assistiamo ad una sostanziale inversione di tendenza.

La rivalutazione dell’opera antica, l’attenzione ad una esecuzione filologica­ mente corretta delle partiture e la loro divulgazione attraverso la stampa ed i supporti audio visivi, hanno caratterizzato una felice stagione di baroque renaissance che ancor’oggi vive e prospera.

Esecutori

Progetto: Donatella Busetto

Direzione e concertazione: Donatella Busetto

Regia: Marco Bellussi
Palandrana: Anastasia Cazzola
Zamberlucco: Pedro Bomba

 

Ensemble strumentale Cenacolo Musicale

Arrigo Pietrobon – Oboe
Giacomo Catana, Mauro Spinazzè, Federico Lovato – Violini
Massimo Raccanelli – Violoncello
Mauro Zavagno – Violone

Prossimi eventi

30 Giu 2022 Ore 21:00

SOTTO L’OMBRA DI UN FAGGIO – Le Cantate per Basso di Alessandro Scarlatti

Cenacolo Musicale
Torino
Festival Antiqua
14 Lug 2022 Ore 21:00

CARE LUCI DEL MIO BENE – Bononcini VS Handel

Cenacolo Musicale
San Francesco
Piazza della Motta, Pordenone