Sinfonie e Concerti tra Napoli e Venezia – Accademia del Ricercare – TO

Programma

Sinfonie e Concerti tra Napoli e Venezia

Alessandro Scarlatti
Sinfonia di Concerto Grosso n. 1 in Fa maggiore, 1715
Per 2 flauti dolci, archi e basso continuo
Allegro, Adagio, Allegro, Adagio, Allegro (tarantella)

Domenico Sarri
Concerto in la minore
Per flauto dolce, archi e basso continuo
Largo Staccato e dolce, Allegro, Larghetto, Spiritoso

Antonio Vivaldi
Concerto in sol minore RV 156
Per archi e basso continuo
Allegro, Adagio, Allegro

Alessandro Scarlatti
Sinfonia di Concerto Grosso n. 5 in re minore, 1715
Per 2 flauti dolci, archi e basso continuo
Spiritoso e staccato, Adagio, Allegro, Adagio, Allegro assai

Niccolò Fiorenza
Concerto in la minore, 1726
Per flauto dolce 2 violini e basso continuo
Largo, Allegro, Grave, Allegro

Antonio Vivaldi
Concerto in Do maggiore RV 533
Per 2 flauti, archi e basso continuo
Allegro molto, Largo, (Allegro)

 

Esecutori

Lorenzo Cavasanti, Luisa Busca, flauti

Silvia Colli, Francesco Bergamini, violini

Alessandro Curtoni, viola

Antonio Fantinuoli, cello

Maurizio Piantelli, tiorba

Claudia Ferrero, Cembalo

 

Direttore, Pietro Busca

Presentazione

Il genere del concerto strumentale, nelle sue due declinazioni di concerto solistico e concerto grosso, caratterizzate dalla contrapposizione, rispettivamente, tra uno o più strumenti solisti o un gruppo di strumenti (detto “concertino”) e il resto della massa orchestrale, si sviluppa nella seconda metà del Seicento ed è una delle più importanti e storicamente rilevanti conquiste del Barocco strumentale italiano.

Portato a un primo culmine del suo sviluppo da compositori quali Arcangelo Corelli, Giuseppe Torelli e Tomaso Albinoni, il genere si evolve fino a raggiungere il suo vertice assoluto nell’opera di Antonio Vivaldi.

Tra i principali artefici di tale evoluzione vanno sicuramente inclusi i compositori operanti a Venezia, ma non è trascurabile l’apporto degli esponenti della cosiddetta Scuola Napoletana e, in particolare, del suo capostipite, Alessandro Scarlatti.-Quest’ultimo, nelle Dodici sinfonie di concerto grosso, scritte nel 1715 (un anno dopo la pubblicazione, postuma, dei Concerti op. 6 di Arcangelo Corelli), si muove tenendo ben presente il modello istituito dal compositore romano, ma lo arricchisce con una inedita sensibilità concertante, con una notevole raffinatezza nelle scelte timbriche e con tutto il sapere contrappuntistico di cui era depositario. Entrambe le Scuole, quella veneziana e quella napoletana, consolideranno in questo modo un genere che, esportato al di fuori dei confini nazionali, si evolverà fino a plasmare il linguaggio sinfonico classico portato al massimo splendore dai musicisti della Prima Scuola di Vienna (segnatamente da Haydn e Mozart).

Il programma del concerto documenta lo sviluppo del genere concertistico in questi due importanti centri musicali italiani, ma è anche testimone di un incipiente interesse per il flauto traverso (o “traversiere”), che, nella prima metà del Settecento, non era diffuso in Italia quanto il flauto dolce. Non è un caso che ben quattro tra i concerti proposti dal programma (quelli composti da Alessandro Scarlatti, Domenico Natale Sarro e Nicola Fiorenza), siano destinati al flauto dolce e che l’unico origina-riamente concepito per traversiere sia il doppio concerto composto da Antonio Vivaldi.
La maggiore diffusione del flauto dolce nella penisola italiana trova d’altronde conferma nella testimonianza di Johann Joachim Quantz, flautista presso la corte di Federico il Grande, che, nel 1724, conobbe sia Vivaldi sia Alessandro Scarlatti in occasione del suo viaggio in Italia. Il traversiere suscitò l’interesse di Vivaldi, che allo strumento dedicò ben tredici concerti solistici (due dei quali incompiuti e uno di dubbia autenticità), un concerto doppio (quello incluso nel programma di questo concerto), oltre a diversi concerti da camera e concerti a più strumenti che lo coinvolgono in qualità di comprimario.

L’opera per traversiere di Vivaldi è dunque da considerarsi pionieristica e getta le basi (per esempio nel celeberrimo concerto detto “Il Gardellino”) per un uso idiomatico dello strumento al quale, fino al Novecento inoltrato, i compositori hanno più volte fatto ricorso.

Danilo Karim Kaddouri

Curriculum

Nei suoi trent’anni di attività, l’Accademia del Ricercare, nelle sue diverse formazioni ha effettuato oltre 1.000 concerti ed è stato invitato ad esibirsi per importanti istituzioni musicali, festival nazionali ed internazio-nali di alto livello: Bruges Festival Internazionale delle Fiandre, Festival de La Chaise Dieu, Lens Festival Contrepoints, Kyoto, Osaka, Bolzano Festival, Università di Leon Spagna, I Concerti dell’Accademia Ravenna, Festival di Musica Antica Graz, Festival de Musica Espanola de Madrid, Festival de la Laguna Tenerife, Festival Internacional de Musica de Galicia, Festival Internacional de Musica y Danza de Granata, Festival de Musique et Renaissance di Parigi Ecouen, Antiqua BZ, Canto delle Pietre Regione Lombardia e Regione Piemonte, S. Sempliciano a Milano, Genova, Firenze, Campobasso, Viadana, Stresa, Noto, Brindisi, Pantelleria, è Kiel, Amburgo, Barcellona, Alberville, Barcellonet, Motril, riscuotendo, ovunque si sia proposta, ottimi consensi di pubblico e di critica.
Nel 2009 ha ricevuto l’incarico dal Governo delle Canarie e dalla società di Musicologia Spagnola di incidere i Villancicos di Diego Duron, opera che ha suscitato grande interesse per l’appropriata scelta dell’organico strumentale.
Nel 2017 è stata invitata dall’Istituto di Cultura Italiano in Giappone per una serie di quattro concerti nelle città di Osaka, Kioto e Fukuoka.
L’Accademia del Ricercare ha realizzato 20 registrazioni su CD (edite e distribuite sul mercato internazionale da Elegia, CPO, Brilliant, Tactus, Stradivarius) il cui successo è confermato dai notevoli volumi di vendita quanto dalle recensioni pubblicate sulle maggiori riviste del settore in Europa.
L’Accademia del Ricercare collabora permanentemente con i massimi esponenti a livello mondiale nell’esecuzione della musica tardo-rinasci-mentale o barocca, i quali vantano individualmente curriculum di prestigio (Cappella Real de Catalunia, J. Savall, K. Boeke, A. Curtis, W. van Hauwe D. Oberlinger ecc…)

Prossimi eventi

17 Mag 2024 Ore 11:00

La serva padrona – G.B.Pergolesi

BAROCCO EUROPEO
Teatro Zancanaro
Viale Pietro Zancanaro, 2, 33077 Sacile PN
Ingresso Libero
Vai al programma
17 Mag 2024 Ore 21:00

La serva padrona – G.B.Pergolesi

BAROCCO EUROPEO
Teatro Zancanaro
Viale Pietro Zancanaro, 2, 33077 Sacile PN
Ingresso Libero
Vai al programma