TARTINI GLITCH

Progetto musicale di Tommaso Luison e Francesco Ganassin

Programma

Tutto da scoprire!

Esecutori

Tommaso Luison, violino, loopstation, elettronica
Francesco Ganassin, Clarinetti, elettronica

Presentazione

II suono acustico del legno di un violino del Settecento si stratifica nei processori di una loopstation, le vibrazioni dell’ebano dei clarinetti vengono filtrate in un iPad, incontrando la spigolosita timbrica della sintesi granulare. Questo e Tartini Glitch: la musica di Giuseppe Tartini riscritta e reinterpretata attraverso i linguag­gi della Contemporaneita (soundscape composition, pop, musica elettronica, world music).
II progetto nasce da un’idea del violinista Tommaso Luison dopo un lungo percorso di approfondimento musicale e musicologico del repertorio e dell’est­etica tartiniana e rappresenta un’altra via, oltre a quella storicamente informata, per valorizzare con lo sguardo dell’oggi un repertorio del Settecento.
La bellezza delle idee musicali, ii continuo riferimento alla musica popolare, l’uso di armonie scarne e di forti dissonanze, sono tutti elementi che rendono la musica del celebre violinista istriano particolarmente adatta a essere reinterpre­tata con gli strumenti e gli stili del nostro Tempo.

Curriculum

Tommaso Luison
Violinista e musicologo, si dedica alla ricerca nei diversi repertori per violino, dalla musica antica ai linguaggi della contemporaneita, dalla musica popolare alla grande tradizione classica.
Si diploma in Violino con ii massimo dei voti presso ii Conservatorio di Vicenza, sotto la guida di Giovanni Guglielmo, Si perfeziona in seguito con Domenico Nordio, llya Grubert e, per ii repertorio del Novecento e contemporaneo, con Enzo Porta. Per la musica da camera segue i corsi del Trio di Trieste, di Kostantin
Bogino e del Trio Altenberg. Svolge attivita solistica e di musica da camera e ha collaborato come Concertmaster con orchestre qua Ii Orchestra di Padova e del Veneto, Teatro Lirico Petruzzelli di Bari, Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, The Musicians of the King’s Road (Finlandia). Ha suonato in ensemble qua Ii Trio Malipiero, Ensemble Musagete, Ensemble Concordanze, Solisti Filarmonici ltaliani. Nel 2008, vincitore di concorso, entra stabilmente nell’Orchestra della Fondazione Teatro Comunale di Bologna, dove lavora attualmente. Si dedica all’approfondime­nto della prassi esecutiva barocca e ai problemi di filologia musicale, con particolare riferimento alla Scuola di Tartini e al violinismo italiano del 700. Nel 2009 si la urea in Lettere e Filosofia con ii massimo dei voti e la lode presso l’Universita di Padova, con una tesi di filologia musicale su Giuseppe Tartini. Partecipa a convegni internazionali di musicologia e pubblica nella rivista Ad Parnassum, per la casa editrice Ut Orpheus di Bologna. Partecipa all’Edizione Nazionale delle Opere di Tartini per l’Editore Barenreiter. Appassionato di musica popolare, pubblica nel 2012 ii libro Ballabili antichi per violino o mandolino. Un repertorio dalle Dolomiti del primo Novecento. Nota Edizioni. Collabora in ale uni concerti con ii gruppo di musica popolare veneta Calicanto e con !’Orchestra Popolare delle Dolomiti. E’ tra i fondatori del collettivo Tajaf, con ii quale approfondisce una scrittura musicale originale e legata alla performance teatrale e alla multimedialita. Ha scritto le musiche per alcuni spettacoli con l’attore Andrea Pennacchi. Tiene masterclass e progetti divulgativi sulla didattica di Tartini nei Conservatori italiani (Mantova, Trieste, Padova, Sassari) e i corsi di Formazione di base al Conservatorio di Rovigo (2007-2010). lnsegna Violino nei Conservatori di Mantova (2011 ), Padova (2013), Cesena (2014-2015) e Sassari (2015·2018) e Musica da Camera al Conservatorio di Benevento (2020). Dai 2021 insegna Violino al Conservatorio “Venezze” di Rovigo.

Francesco Ganassin
Nato a Bassano del Grappa (VI) nel 1975, clarinettista,polistrumentista, didatta, compositore. La sua ricerca rnusicale si concentra suldialogo tra tradizione e contemporaneita, sul rapporto tra musica e paesaggio.tra musica e altre forme espressive (teatro, cinema, calligrafia, architettura,fiaba).
Da oltre vent’anni, come clarinettista, compositore, improvvisatore, e al centro diesperienze di respiro internazionale con New Landscapes, Rituali. Radici,Eptagroove, Hattusha, Andrea Ruggeri Ensemble, Orchestra Popolare delleDolo­miti, Ottomani, Arsenale, Tolga During Kilim Trio, Trio Adriatica, Calicanto. Hatenuto concerti in tutta Europa: Kaustinen Music Festival, Festival lnterceltico doMorrazo, Nuoro Jazz, Bologna Jazz, Bergamo Jazz, Pisa Jazz, Segovia Folk,Tradicionarius Barcelona, Fira Mediterrania de Manresa, Stranger than ParanoiaFestival, Festival lnternazionale della Zampogna di Scapoli, Museo di ArteOrientale Ca’Pesaro, Notte della Taranta, Trad.It! Groningen, Mandopolis, DeRuimte Amsterdam, Middle East Technical University Ankara, Corum HittiteUniversity, ltinerari Folk, Aplec Folk, Musike, Musikfestspiele Potsdam Sanssouci,MITO SettembreMusica, Biennale di Venezia.
Con Calicanto ha vinto ii Prix Coup de coeur della Academie Charles Cros diParigi (dir. art. Henry Dutilleux) per ii cd “lsole senza mar􀂁 indicato come uno deiquattro migliori dischi di world music sulla scena mondiale nel 2006. ConEptagroove ha vinto ii Premio delle Arti (Afam – MIUR) sezione jazz, nel 2010. Haavuto l’opportunita di compotre ed eseguire una gran quantita di musiche discena per ii teatro (Giuseppe Battiston, Laura Curino, Marco Baliani, TitinoCarrara, Ermanno Cavazzoni, Vasco Mirandola, Massimo Cirri, Mirko Artuso,Sandro Buzzatti, ecc).
La sua discografia comprende una ventina di titoli registrati con New Landscapes,Calicanto. Orchestra Popolare delle Dolomiti (direttore e arrangiatore) e altri.
Oltre al clarinetto ed al clarinetto basso, suona oboi popolari, sax, flauti, ocarine,duduk, e mi appassiona ii suono deg Ii oggetti di uso quotidiano. Nella veste dipolistrumentista collabora con compositori di colonne sonore (Henry Wan Man Lai,Nicholas Wright, Sergio Marchesini, ecc) ed ha inciso le parti di fiati etnici per lacolonna sonora del kolossal “Dragon Blade”. di Daniel Lee, con Jackie Chan, JohnCusack e Adrien Brody.

Prossimi eventi

28 Mag 2022 Ore 18:30

ANTONIO VALENTE – Intavolatura de cimbalo, 1576

BAROCCO EUROPEO
Ex Chiesa di San Gregorio
Via Giuseppe Garibaldi, 33077 Sacile PN
19 Giu 2022 Ore 21:00

BATTENTE MEDITERRANEA – Giovanni Seneca Quartetto

BAROCCO EUROPEO
Ex Chiesa di San Gregorio
Corso Garibaldi, 33077 Sacile PN